Approfondimenti

AOR Avvocati > Approfondimenti

Studio Legale AOR Avvocati: una vocazione al diritto amministrativo

La spiccata vocazione verso il diritto Amministrativo, l’alta formazione per essere sempre aggiornati e una realtà giovane con un'elevata presenza al femminile: sono questi i punti di forza dello Studio Legale AOR. Su la Repubblica del 19 febbraio 2021 , l’avvocato Antonietta Favale spiega in una lunga intervista cosa ha reso AOR Avvocati il punto di riferimento per soggetti pubblici e privati.    ...

Continua la lettura

Studio Legale AOR: il riferimento nel diritto Amministrativo tra professionalità e competenza

In un momento in cui i bisogni aumentano e il diritto amministrativo, forse più di altre materie, sta subendo un impulso acceleratorio è fondamentale per il cliente poter contare su affidabilità, competenza e soluzioni create su misura per lui. In questo contesto “AOR Avvocati è capace di affrontare le sfide che si presentano con capacità, professionalità e innovazione. Un mix indispensabile per traguardare obiettivi ancora più ambiziosi”. Articolo de Il Sole 24 Ore del 18 febbraio.      ...

Continua la lettura

La carenza dei requisiti generali delle consorziate “travolge” la partecipazione del Consorzio Stabile ai lotti per cui ha concorso

Consiglio di Stato, Sez. V, 02/02/2021, n. 964. Significativa sentenza del Consiglio di Stato, che si esprime su una vicenda relativa all’esclusione da tutti i lotti cui aveva partecipato un Consorzio Stabile a causa delle accertate carenze nei requisiti generali delle imprese consorziate indicate per l’esecuzione del servizio. Il Consorzio Stabile dichiarava di voler concorrere per il lotto cinque e per il lotto sei; tanto era specificato nell’unico D.G.U.E. presentato, nel quale, peraltro, erano elencate tutte le imprese esecutrici; anche queste ultime presentavano un proprio D.G.U.E. nel quale specificavano il lotto per il quale avrebbero concorso all’esecuzione (se lotto cinque o sei)...

Continua la lettura

Contemporanea partecipazione alla gara di Consorzio articolo 2602 c.c. e sue consorziate. Illegittimità.

Il Consorzio ricorrente impugna l’aggiudicazione di una concessione di servizio pubblico in favore di un’associazione temporanea di scopo costituita fra due imprese facenti parte del medesimo Consorzio, che aveva parimenti preso parte alla competizione. Il Consorzio, costituito ai sensi dell’articolo 2602 del Codice civile[1], lamenta dunque la violazione dell’art. 48, comma 7, del d.lgs. n. 50/2016[2]. Tar Liguria, Sez. I, 23/01/2021, n. 59 accoglie il ricorso: 3.5. Da ultimo, si rileva l’infondatezza dell’eccezione della resistente che invoca la disapplicazione dell’art. 48, comma 7, del d.lgs. n. 50/2016 per contrasto con i principi eurounitari di parità di trattamento, di proporzionalità e di massima concorrenza o,...

Continua la lettura

Lo Studio AOR Avvocati inserito nel ranking di TopLegal dei migliori studi legali per il settore amministrativo

Nuovo importante riconoscimento per AOR Avvocati, che inizia il 2021 con l’inserimento, accanto ai principali studi del Paese, nel ranking stilato da TopLegal. Il nostro Studio Legale è tra le new entry del settore amministrativo in particolare nel segmento Appalti, concessioni e servizi pubblici che evidenzia la necessità di allontanarsi dal classico modello boutique e affidarsi a realtà legali più strutturate, in grado di fornire un’assistenza completa nell’ambito amministrativo e nelle practices strettamente correlate.  Un ulteriore tassello in un percorso di crescita che AOR Avvocati intende continuare con ancor maggiore determinazione. Consulta la guida completa di TopLegal 2021. Clicca qui   ...

Continua la lettura

SERVIZI PUBBLICI LOCALI – AFFIDAMENTO IN HOUSE – ART 192 DEL CODICE DEI CONTRATTI SULLA MOTIVAZIONE IN MERITO AL “MANCATO RICORSO AL MERCATO” – NON CONTRASTA CON L’ART 76 DELLA COSTITUZIONE – VIOLAZIONE DEL DIVIETO DI GOLD PLATING- NON SUSSISTE- Corte Costituzionale, sentenza 27 maggio 2020 n. 100

in house aor avvocati

Brevissime considerazioni sulla mancata violazione del c.c. divieto di gold plating da parte del Legislatore. (A cura dell’Avv. Angelo Annibali, socio dello Studio) A distanza di quasi 2 anni dall’ordinanza di rimessione del Tar Liguria e di qualche mese dalla pronuncia della Corte di Giustizia (sez. IX, ordinanza del 6/2/2020), anche la Corte Costituzionale avalla l’art. 192 del Codice dei Contratti. Come si ricorderà, i giudici liguri, con l’ordinanza n. 886 del 15/11/2018, chiamati a pronunciarsi sul ricorso promosso da un operatore economico avverso un affidamento diretto disposto da un’amministrazione alla propria società in house, avevano sospeso il giudizio rimettendo alla Corte Costituzionale...

Continua la lettura

RTI verticale e RTI orizzontale: Cartesio e le poche certezze rimaste

cartesio

a cura dell'Avv. Matteo Valente, socio dello Studio AOR Avvocati (articolo pubblicato su http://www.appaltiecontratti.it/2020/04/16/rti-verticale-e-rti-orizzontale-cartesio-e-le-poche-certezze-rimaste/) In certi casi i confini tra RTI verticale e RTI orizzontale appaiono davvero labili. Così vicini da sovrapporsi e quasi da mettere in crisi il sistema degli assi cartesiani. E’ il caso affrontato dalla V Sezione del Consiglio di Stato che con la sentenza n. 2183 del 31 marzo 2020 si è pronunciata su una censura che contestava la partecipazione ad una gara di un Raggruppamento verticale laddove ciò era escluso dalla lex specialis. Occorre premettere che la procedura di gara riguardava un insieme di attività ricomprese nel “servizio di assistenza domiciliare (SAD)...

Continua la lettura

SERVIZI PUBBLICI LOCALI – Affidamento in house – Art 192 del Codice dei contratti sulla motivazione in merito al “mancato ricorso al mercato” e Art 4 del Testo Unico Partecipate sulle acquisizione delle quote di partecipazione– non contrastano con l’Art 12 della direttiva 2014/24 – Corte di Giustizia, sez. IX, Ordinanza del 6 febbraio 2020

servizi pubblici locali aor

A un anno di distanza dall'ordinanza di rimessione della sez. V del Consiglio di Stato, che aveva avanzato dubbi in merito alla compatibilità con il diritto europeo di quelle disposizioni del nostro ordinamento (come quello oggetto di rinvio) che subordinano gli affidamenti in house a condizioni aggravate e a motivazioni rafforzate rispetto alle altre modalità di affidamento, è arrivata la pronuncia della Core di Giustizia. Al contempo, come si ricorderà, i Giudici di Palazzo Spada, con la stessa ordinanza, nell'andare ad esaminare l’art. 4 comma 1 del Testo Unico Partecipate, che impone alle amministrazioni pubbliche di costituire società e/o acquisire partecipazioni...

Continua la lettura

La sorte delle procedure di gara per effetto del c.d. Cura Italia (Decreto legge 17 marzo 2020, n. 18)

Oggetto: Breve nota informativa sugli effetti della sospensione dei termini procedimentali sulle procedure di gara per appalti e concessioni. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con una nota del 23 marzo 2020 ha fornito la propria interpretazione sugli effetti dell’art. 103 del Decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, nell’ambito della disciplina contenuta nel Codice dei contratti pubblici. *** L’art. 103 del D.l. 17 marzo 2020, n. 18 ha disposto che: tutti i termini relativi ai procedimenti amministrativi avviati d’ufficio o su istanza di parte, pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati dopo il 23 febbraio 2020, sono sospesi sino...

Continua la lettura

Omessa sottoscrizione dell’offerta da parte della mandante. Le due soluzioni (opposte) del Tar Toscana

a cura dell'Avv. Matteo Valente, socio dello Studio AOR Avvocati (articolo pubblicato su http://www.appaltiecontratti.it/2020/03/23/omessa-sottoscrizione-dellofferta-da-parte-della-mandante-le-due-soluzioni-opposte-del-tar-toscana/) Il caso delle volte gioca con l’ironia. E accade ad esempio che ad un solo giorno di distanza vengano pubblicate dal medesimo Tar (il Tar Toscana) due pronunce che, pur riferendosi a casi differenti (si trattava infatti di due diverse procedure ad evidenza pubblica), si interessano della medesima fattispecie. Ma il caso non si accontenta della semplice “contemporaneità” ed allora fa sì che le due Sezioni in cui erano incardinati i giudizi (la I Sezione e la III Sezione) decidano le cause in maniera diametralmente opposta. La questione riguarda l’omessa...

Continua la lettura